La viola

Mi hanno raccontato.

Un re andò nel suo giardino e trovò alcuni alberi, e delle pianticelle morenti, mentre altri fiori erano appassiti.
La quercia disse che stava morendo perché non poteva essere alta come il pino. Osservando il pino, il re lo trovò sofferente perché non poteva portare grappoli come la vite. E la vite stava morendo perché non poteva fiorire come la rosa.

Infine trovò una pianta, la viola, fresca e fiorente come sempre.

Alla domanda del re, la pianta rispose: “Mi è sembrato scontato che quando tu mi hai piantata, volevi una viola”.

Se desideravi una quercia, un pino, una vite, avresti piantato quelle. Allora ho pensato: visto che non posso essere altro che ciò che sono, cercherò di manifestarmi al meglio di me stessa”.

Tu esisti perché questa esistenza ha bisogno di te così come sei! Altrimenti esisterebbe qualcun altro. Tu stai adempiendo qualcosa di essenziale, qualcosa di fondamentale, così come sei!

Guarda semplicemente te stesso. Puoi solo essere te stesso…non è possibile che tu sia qualcun altro. Puoi goderti il tuo essere e fiorire; oppure puoi appassire, se lo condanni.

 

Osho – Take it easy, Vol.II. pag101-103

 

Con queste bellissime parole vi auguro un sereno 2017, che ognuno di noi riesca a vedersi come essere unico e speciale e riesca a far lo stesso osservando chi ci sta vicino, sopratutto i bambini.

Add your thoughts

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *